Siamo a Marzo, sul Gargano, San Giuseppe…la festa del papà.
Appena tornati da un press tour in giro per la nostra terra.
Cos’è un press tour?
Un tour per giornalisti.
La speranza è quella che si scriva bene del Sud, esaltando i pregi, nascondendo i difetti.
Il primo incontro con i giornalisti è sempre emozionante.
Noi saremo i loro “professori”, provando a spiegare chi siamo, dove viviamo, cosa ci sia di speciale da queste parti
Sempre noi saremo i loro “alunni”, giudicati il giorno dopo da un articolo di giornale, una storia, un video.
Che responsabilità essere ambasciatori del posto che ami, c’è quasi un po’ di tensione.
La vita mi ha sorriso in passato e mi ha insegnato un trucco da adoperare in questi momenti.
Un sorriso e tanto orgoglio.
Lo stesso orgoglio che quel giorno di due anni fa mi ha fatto scegliere di tornare a Sud e affrontare tutto col sorriso.
Ecco i nostri amici giornalisti, sbarcati da un peschereccio.
Tutti giovani e giovanili.
Il ghiaccio è presto sciolto.
Il loro appetito, il nostro vino, in pochi attimi siamo un gruppo.
Incominciamo a raccontare le nostre storie.
Ci sono Gianmaria e Valeria, una coppia barese che ha incominciato a girare e raccontare il mondo sul loro blog.
Ultimamente scrivono sulla Puglia.
Che bello vedere i loro occhi orgogliosi.
C’è Valeria, talentuosa, sognatrice, un po’ timida.
Grandi progetti a Vieste.
Ci sono gli altri, ognuno ha la sua storia da raccontare.
Ci siamo io e Sara, sorridenti, a raccontare la nostra avventura, in giro per i cinque continenti.
Poi il ritorno alle origini, una Villa sul Gargano, due pulmini e riinizia la nostra vita.
Parlare della nostra storia ci riempie di orgoglio.
Ascoltare quella degli altri ci da forza per continuare a scriverla.
Il sud è così, come queste vallate del Gargano che spesso percorriamo.
Meravigliose, silenziose, ardue.
Sembra non arrivare mai, ti verrebbe la voglia di tornare indietro.
Poi incontri per il cammino un segnale che ti fa sentir un predestinato e continui, più forte di prima, orgoglioso.
Ascoltare persone che, cariche di orgoglio, seminano sogni nel nostro Sud è qualcosa di magico.
Sembra di danzare in una notte di marzo, davanti al fuoco, aspettando che rinascano i fiori.
Il Sud ce la farà se saprà essere orgoglioso di se stesso!!!

Michele

Facebooktwitter