Monte Sant'AngeloEra da tempo che non mi ritrovavo nel periodo Pasquale sul Gargano, terra che amo e da cui provengo.
Ormai è da tempo che sentiamo parlare della settimana santa di queste terre.
Queste cose stanno tornando di “MODA”.
Quì non sembrano mai essere andate via!
Venerdì siamo ospiti di un nostro amico Federico, a Monte Sant’Angelo.
Nella chiesa di san Benedetto si celebra l’ufficio delle Tenebre, una cerimonia cantata interamente in latino.UFFICIO
Incuriositi dal nome un po’ satanico, ci addentriamo nei vicoli del centro storico fino a trovare la chiesetta.
Entriamo verso le dodici.
Le musiche andavano avanti già da oltre tre ore.
Il canto è un continuo rimbalzo di strofe tra un coro possente e una voce pungente accompagnata da un vecchio organo.
Decidiamo di seguire la melodia, ed eccoci a due passi dal coro.
L’atmosfera è magica. Facce di ogni età e provenienza.
I toni della cerimonia si alzano, dobbiamo uscire, ecco il colpo di scena.
I Coristi escono in processione e si sdraiano, pancia in giu’, in segno di attesa e penitenza.
Il canto cresce di intensita’, poi tutti si alzano…
UFFICIO3E’ IL TERREMOTO!!!
10 secondi molto intensi in cui chiunque partecipa, con strumenti, strisciando i banchi.
I battiti del cuore crescono!!!
Poi il Silenzio, Gesu’ e’ esalato.
La cerimonia finisce e riusciamo ad avvicinare Ernesto, il solista, papa’ di Federico.
Ci racconta che questi canti antichi si sono tramandati per tempo immemore, di padre in figlio, oralmente.
Poi, lui, un po’ di nascosto, li ha trascritti ed ora sono patrimonio di tutti i curiosi (ha scritto un bel libro a riguardo).
Assistiamo ad una bella scena, prima di uscire dalla chiesetta.
Un giovane corista, preso da queste musiche antiche, chiede ad Ernesto di insegnargli.UFFICIO4
Delle volte non mi spiego come queste Tradizioni possano andare avanti per secoli.
Ecco la spiegazione.
EMOZIONE, PASSIONE, ORGOGLIO E MOLTA CURIOSITA‘.

Con questo bel sentimento nell’anima, dopo una bella passeggiata, prendiamo la direzione di San Marco in Lamis.
La serata e’ invernale, il freddo pungente.

Continua….

Facebooktwitter