Monte Sant’Angelo

Curiosità:

  • Monte Sant’Angelo è il centro abitato più alto del Gargano
  • Dal 2011 è riconosciuto come Patrimonio UNESCO per la Basilica di San Michele
  • Nel 2017 è stato riconosciuto Patrimonio UNESCO per la Foresta Umbra (clicca qui)
  • Ha un caratteristico quartiere storico di più di mille anni chiamato “Rione Junno
  • Ci sono molti dolci tipici da assaggiare, tra cui le ostie ripiene!

Da non perdere:

La Basilica di San Michele

Simbolo di Monte Sant’Angelo, la Basilica è stata costruita nel punto dove è apparso per la prima volta l’Arcangelo Michele, in una grotta.
L’accesso alla Basilica in origine era in salita.
Dopo la venuta degli Angioini a Monte Sant’Angelo, l’accesso avviene scendendo 86 scalini.

L’entrata della Basilica di San Michele, patrimonio UNESCO

Milioni di pellegrini hanno visitato la Basilica nei secoli.
Sulle mura della grotta ci sono impronte, disegni, firme in linguaggi moderni e antichi a testimonianza.
Nella parte più antica della grotta sono stati ritrovati segni in lingua runica (le Rune), risalenti a più di 1500 anni.
Per potere ammirare la parte più antica e affascinante dovete visitare il museo lapidario al costo di 5 euro.
Molti re, Papi e personaggi illustri sono passati per questa grotta, tra cui Papa Giovanni Paolo II nel 1987.

Passeggiare nel “Rione Junno”

Il Rione Junno è il quartiere più antico e caratteristico di Monte Sant’Angelo.
Le piccole e bianche casette del “Rione” sembrano far parte di un presepe.
In queste piccole casette vivevano famiglie di 10 persone in spazi di meno di 30 metri quadri.
Il più delle volte le persone condividevano lo stesso letto con animali, neanche troppo domestici (cavalli, ciuchini, ecc..).

Il Rione Junno, quartiere medievale

Perdersi nei vicoletti di questo originale quartiere, tra panorami mozzafiato e profumi di una volta è un’esperienza unica.
Durante la vostra visita al Rione Junno non dimenticate di visitare il Complesso di San Pietro (Chiesa di Santa Maria Maggiore e Tomba di Rotari) e il Museo Tancredi META.
Il META è un museo gratuito che vi racconterà le arti e le tradizioni di Monte Sant’Angelo e del Gargano.

Consigli:

– Attenzione agli orari di aperture e chiusura della Basilica di San Michele (chiusa dalle 12,30 alle 14,30 e dopo le 19);

– Visitate il castello normanno – svevo – angioino – aragonese (non è uno scherzo, ha veramente quattro stili diversi);

– Godete il panorama del Golfo di Manfredonia dal Belvedere;

– Non perdetevi la visita all’abbazia di Santa Maria di Pulsano e la valle degli eremi a 9 km da Monte Sant’Angelo (clicca qui);

– Fermatevi ad assaggiare i prodotti tipici: dal famoso pane di Monte Sant’Angelo, al caciocavallo podolico, ai dolci più disparati tra cui le ostie ripiene, le cartellate, il poperato e i calzoncelli;

– Se ancora non siete sazi, si può finire la giornata mangiando un mega panzerotto (ovviamente fritto) alla “Sixty-Seven”;

I Tour che proponiamo hanno il servizio pick-up da Monte Sant’Angelo (cliccate qui per avere maggiori informazioni);

Galleria fotografica:

Scopri Monte Sant’Angelo

1 La Basilica di San Michele, patrimonio UNESCO;

2 La scalinata Angioina, 86 scalini verso la grotta di San Michele;

3 La grotta di San Michele Arcangelo,

4 Il castello normanno-svevo-aragonese-angoino;

5 Il quartiere medievale “Rione Junno”, visto dal META;

6 Il “Rione Junno”, altra prospettiva;

7 La chiesa della Santissima Trinità in piazza De Galganis;

8 Le ostie ripiene, il dolce tipico di Monte Sant’Angelo;

9 Vista panoramica dal Belvedere;

10 Il sentiero di Scannamugliera, via Francigena del Sud;

Visita con noi il Gargano

Clicca le icone sulla mappa per scoprire la meta che ti interessa

Prenota il tuo Soggiorno sul nostro sito_ ricevi lo sconto del 20% su tutti i nostri Tour